it en
Risultati
Speciale MEAT-TECH

MEAT-TECH 2021, la filiera punta alla trasparenza e ad un futuro sostenibile

of Redazione


È stato un pieno successo anche MEAT-TECH, svoltosi dal 22 al 26 ottobre scorsi in concomitanza con due classici dedicati all’eccellenza gastronomica, al retail e all’ospitalità: Tuttofood e HostMilano, evento unico che ha offerto una panoramica completa di comparti complementari pur nelle proprie peculiarità.

MEAT-TECH, per questa edizione speciale, è stata parte integrante di quello che si può definire a tutti gli effetti il km dell’innovazione, dove i visitatori hanno trovato risposte trasversali alle proprie esigenze in termini di prodotti, tecnologia e soluzioni.

La trasversalità è stata anche il carattere delle proposte di conte- nuto: nell’ambito del programma “Innovative Food Talks” si è parlato di Veggie Dairy, Veggie Ready Meals e Veggie Patty all’italiana con tre in- contri organizzati in collaborazione con Hi-Food, azienda specializzata in additivi e ingredienti plant based. “Sicurezza e qualità di alimenti senza additivi: tecnologie, ingredienti, shelf-life e packaging” è stato il titolo di un momento di riflessione tecnico- scientifica dedicata all’ingegneria di processo e prodotto per alimenti privi di additivi organizzato da oMinForMare, oltre a “Dall’EcoDesign alle soluzioni più innovative per lo smart packaging per l’industria alimentare”, workshop organizzato da tecnoaliMenti, che ha fatto il punto sulle molteplici fasi legate allo smart packaging: dalla progettazione di imballaggi sostenibili, alla mis razione dell’impatto ambientale dell’imballaggio fino alla valorizzazione economica e mediatica degli imballaggi virtuosi e sostenibili.

E proprio i temi dell’imballaggio sostenibile sono stati il fil rouge di Packaging Speaks Green, l’evento organizzato da packMedia: il settore del fresh food è impegnato da anni in una ricerca che investe ogni componente della filiera: dal processo al confezionamento, ai materiali per l’imballaggio con soluzioni sempre più efficienti sotto il profilo ecolo- gico, economico e produttivo. Un indiscusso primato che conferma la leadership dei produttori italiani a livello internazionale.
ASS.I.CA. nella giornata d’apertura ha organizzato il workshop “Le nuove disposizioni sui controlli ufficiali degli alimenti e relativi decreti attuati- vi”. Un approfondimento è stato dedicato anche ad Intralogistica Italia sul tema “La catena del freddo nell’intralogistica per l’alimentare” con il workshop organizzato da assoFoodtec, “Vademecum MOCA per macchine alimentari: l’esempio del comparto affettatrici e tritacarni”, per approfondire uno degli aspetti di maggior rilievo per l’industria alimentare.

L’offerta espositiva di MEAT-TECH è così tornata ad essere protagonista con aziende eccellenti del comparto e un approccio fondato sulla collaborazione strategica con le associazioni di riferimento dell’industria che sostengono il salone dalla prima edizione: ASS.I.CA., ANIMA, AssoFoodtec (Associazione Italiana Costruttori Macchine, Im- pianti, Attrezzature per la Produzione, la Lavorazione e la Conservazione Ali mentare) e UCIMA (Unione Costruttori Italiani Macchine Automatiche per il Confezionamento e l'Imballaggio).

La Fabbrica Sostenibile
MEAT-TECH palcoscenico dell’innovazione con La Fabbrica Sostenibile: per la prima volta in fiera è stata organizzata un’area speciale con dimostrazioni live di produzione e confezionamento con l’utilizzo di materiali di imballaggio green. Due eventi al giorno hanno mostrato ai visitatori due diverse linee in funzione, presentandone le caratteristiche altamente tecnologiche.
La prima linea ha ospitato una macchina saldatrice ILPRA, specializzata nella produzione di macchine per il confezionamento alimentare e medicale, abbinata ad una linea completa per il settore carne, in particolare per il confezionamento di hamburger. La formula innovativa era racchiusa nella capacità di presentare un’unica soluzione, ossia un solo impianto integrato e compatto che rispecchia tre vantaggi com- petitivi: packaging con materiale completamente riciclabile e quindi eco-sostenibile; soluzione “chiavi in mano” in quanto linea completa di confezionamento: dal caricamento del prodotto fino alla pallettizzazione; un packaging finale ottenuto in modo totalmente automatico dove non è previsto l’ausilio dell’operatore a garanzia di una confezione non contaminata.
La seconda è stata presentata da Veripack Meat division: una linea termoformatrice progettata per il packaging di tranci a spicchio di mortadella Bologna sia in packaging termoretraibile multistrato sia in monomateriale totalmente riciclabile. Anche in questo caso, quindi, la componente eco-friendly application è risultata un must essenziale

Ci si rivede a IPACK-IMA 2022, dal 3 al 6 maggio, sempre negli spazi di Fiera Milano, Rho
>> Link:
www.meat-tech.it 
www.ipackima.com


>>> Sulla versione cartacea di EUROCARNI 12-2021 un SPECIALE sulla Fiera e sui suoi Protagonisti!



Activate your subscription

To subscribe to a Magazine or buy a copy of a Yearbook