it en
Risultati
Libri

Carne artificiale? No, grazie. La prima inchiesta sulle lobby del cibo in provetta

of Redazione


“Nutrirsi è anzitutto un gesto agricolo, prima di diventare un atto gastronomico”, scrive nella premessa Gilles Luneau, autore di Carne artificiale? No, grazie, la cui prima edizione italiana è stata recentemente pubblicata da Castelvecchi Editore. Eppure il legame sintetizzato nella sua frase, quello finora indissolubile tra la natura e il cibo che ogni giorno finisce nel nostro piatto, potrebbe essere spezzato da “carni”, “uova”, “latticini” e “pesce” realizzati in laboratorio, senza passare per una fattoria né uno specchio d’acqua.
Ma è davvero questo il futuro dell’alimentazione mondiale? È una risposta salutare ed ecosostenibile per sfamare la popolazione della Terra? Non viene invece da chiedersi se non ci siano degli interessi dietro la progressiva e inesorabile “chimicizzazione” di ciò che mangiamo.
L’agricoltura cosiddetta “cellulare” — la produzione di alimenti, specialmente di origine animale, a partire da ceppi cellulari coltivati in laboratorio o da sostituti vegetali assemblati con proteine sintetiche — si presenta come una panacea, da rimedio contro la fame nel mondo a metodo di ostacolo al cambiamento climatico. La verità però potrebbe essere un’altra e le contraddizioni restano molte.
Da dove vengono gli ingenti fondi per la ricerca? Quale valore nutritivo avranno davvero gli alimenti in provetta? Quali sono i risvolti etici della carne prodotta in laboratorio? Arriva in Italia la prima grande inchiesta sulle lobby del cibo artificiale, un’approfondita ricerca indipendente, condotta fra Stati Uniti ed Europa, al cui centro ci sono le start-up delle produzioni artificiali, i loro finanziatori e i legami con il movimento vegano che più di tutti le supporta.
Introduzione di Giorgio Cantelli Forti, professore emerito dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, past president della Società Italiana di Farmacologia (SIF) e presidente dell’Accademia Nazionale di Agricoltura.

GILLES LUNEAU
Carne artifi ciale? No, grazie
La prima grande inchiesta sulle lobby del cibo in provetta
Traduzione: Federico Cenciotti Editore:
Castelvecchi, 2021
Collana: Nodi
304 pp. – € 17,50



L’autore
Giornalista, saggista e regista francese, Gilles Luneau dirige la rivista GLOBALmagazine. Ha collaborato con le riviste Le Nouvel Observateur, Géo, VSD e Challenges. È esperto di globalizzazione e questioni agroalimentari. Fra i suoi testi tradotti in italiano ricordiamo L’alimentazione in ostaggio. Le mani delle multinazionali su quel che mangiamo (con J. Bové, 2016).



Visit our Eshop

To subscribe to a Magazine or buy a copy of a Yearbook