it en
Risultati
#LaParolaGusta

Mezzo Quinto, la vera cucina delle mamme salentine nel cuore di Lecce

of Garofalo P. A.


Camminare per il centro storico di Lecce è sempre emozionante: questa città è una perla d’arte e cultura barocca, fulcro del territorio salentino e centro culturale dell’intera provincia. La sua bellezza viene unanimemente riconosciuta a livello internazionale perché capace di racchiudere enormi patrimoni culturali ed architettonici in un’incredibile commistione di stili ed epoche differenti che hanno inevitabilmente lasciato il segno nelle mura della città antica. Qui ogni pietra ha una profonda narrazione storica da raccontare e tra le storie che mi piace di più ascoltare, esplorando la capitale del Salento, ci sono ovviamente quelle sulle tradizioni culinarie.
Viaggiando per l’Italia, capita spesso di trovare osterie, trattorie, ristoranti che dichiarano nella loro insegna “cucina come a casa” oppure “la cucina della nonna”, cercando di trasmettere tutta l’autenticità delle tradizioni riportate nei menu. Pochi però riescono poi effettivamente ad accoglierti con lo stesso calore casalingo promesso.
C’è chi invece non ha bisogno di indicarlo ma riesce a trasmetterti l’abbraccio di una mamma o di una nonna con l’assaggio di una sola polpetta al sugo: è il caso del Mezzo Quinto, piccola gastronomia tradizionale che dal 2017 delizia i leccesi e i tanti turisti di passaggio. L’idea che hanno avuto Valeria Leo e Massimiliano Stefanazzi, soci e compagni nella vita, è quella di aprire una gastronomia street food, la vetrina che affaccia sulla strada, piatti ordinati al bancone e qualche tavolino esterno per gustare le loro proposte. Nelle loro ricette e nel profumo che si propaga dalla cucina resiste l’autenticità salentina.
«Da noi si possono trovare tutti i giorni i piatti che tradizionalmente vengono mangiati la domenica a casa della nonna» mi racconta Valeria. «Le ricette sono state messe a punto coinvolgendo tutti i nostri famigliari e amici, il menu è stato creato ritrovandosi intorno a grandi tavolate per trovare le ricette più autentiche» continua.
Mi racconta dei sacrifici iniziali, della richiesta di finanziamenti per provare a realizzare il sogno di lavorare in un locale tutto loro senza più essere dipendenti di altri, con l’obiettivo di rendere felici le persone attraverso il cibo.
E come si fa a non essere felici leggendo i menu esposti all’esterno della vetrina che ti introducono ai principali piatti proposti? Pezzetti di cavallo, Polpette al sugo, con cui imbottire un panino o condire una pasta fatta in casa, e poi ancora Polpette alla genovese, Parmigiana, Involtini di trippa…
Non posso che assaggiare il Panino con pezzetti di cavallo, Valeria mi dice che è il loro piatto di punta, la carne cuoce per ore nel sugo prima di raggiungere la morbidezza ideale. Il panino è commovente al primo morso, scelta del pane casereccio perfetta, la carne che si scioglie in bocca con un gusto inconfondibile, quello di un abbraccio. Assaggio anche le tradizionali Polpette al sugo, piatto che mi riporta con le gambe sotto al tavolo durante i pranzi domenicali in famiglia. Che emozione.
La proposta gastronomica del Mezzo Quinto è ampia e si aggiorna frequentemente e spesso si trovano degli sfiziosi “fuori menu”, come il gustoso Polpettone con uovo sodo che Valeria mi fa assaggiare: «questo non puoi perderlo» mi dice, e come posso darle torto, davvero favoloso.
Immancabile accompagnamento ai diversi piatti un bicchiere, anzi dovrei dire un mezzo quinto di vino rosso salentino. Il nome della gastronomia, infatti, deriva dalla classica unità di misura per servire il vino sfuso che accompagnava il pasto a base di pezzetti di cavallo. Meritatamente stanno arrivando i primi riconoscimenti e l’anno scorso il locale è stato nominato dal Gambero Rosso Miglior street food pugliese (Guida Street Food 2023). A Valeria e Massimiliano non mancano progetti per il futuro, come aprire una trattoria portando la stessa passione messa nella loro gastronomia, ma anche il sogno di aprire un Mezzo Quinto in qualche altra città italiana o, perché no, in altre parti del mondo.


Paolo Amedeo Garofalo


>> Link:
mezzoquintolecce.com



Activate your subscription

To subscribe to a Magazine or buy a copy of a Yearbook