it en
Risultati
Attualità

Lo Chefs’ Irish Beef Club alla scoperta dell’Irish Grass Fed Beef IGP

of Redazione


Fondato nel 2004 e gestito da Bord Bia — ente governativo irlandese per la promozione del Food & Beverage — lo Chefs’ Irish Beef Club (CIBC) riunisce chef riconosciuti a livello internazionale che condividono una passione comune: la carne di manzo irlandese. I membri del Club, infatti, conoscono e apprezzano le caratteristiche di questo prodotto e, per questo, hanno deciso di sposare questo progetto, di farsi ambasciatori di una carne prodotta in armonia con la natura. Il club internazionale conta oltre 80 chef associati in 8 Paesi (Francia, Italia, Olanda, Svizzera, Germania, Belgio, Svezia ed Emirati Arabi).
Da vent’anni Bord Bia porta avanti una collaborazione con questi chef con l’obiettivo di valorizzare la qualità della carne di manzo irlandese e i valori che ne guidano la produzione. I membri del CIBC apprezzano da sempre le caratteristiche intrinseche di questo prodotto e scelgono di utilizzarlo nei loro ristoranti.
Ma cosa rende questa carne davvero unica? Il gusto intenso e distintivo, l’aspetto caratteristico di una carne Grass Fed, col suo grasso dorato e la polpa color rosso borgogna, una marezzatura ottimale e una tenerezza unica. Una carne “Buona per Natura” e ora anche IGP: infatti, la Commissione europea ha recentemente riconosciuto lo status di Indicazione Geografica Protetta (IGP) all’Irish Grass Fed Beef.
La certificazione IGP premia l’esperienza delle aziende agricole locali e il contributo dei rigogliosi pascoli irlandesi nella produzione di una carne di qualità. E, per gli stessi motivi, i membri dello Chefs’ Irish Beef Club sostengono il progetto di Bord Bia, riconoscendo il valore della produzione agroalimentare irlandese: pratiche di allevamento tradizionali, tramandate di generazione in generazione, bovini allevati all’aperto per un minimo di 220 giorni all’anno e alimentati per almeno il 90% con erba.
La tracciabilità, la sostenibilità e il benessere animale sono aspetti che rendono la carne bovina irlandese Grass Fed una delle più apprezzate al mondo. E, proprio in occasione dei vent’anni del CIBC, i membri del Club si sono riuniti in Irlanda per scoprire in prima persona le novità relative all’IGP.

Ma chi sono gli chef italiani che hanno scelto di diventare ambasciatori della carne bovina irlandese Grass Fed?
- Stefano Arrigoni (Osteria della Brughiera, Villa d’Almé, BG), 1 stella Michelin;
- Francesco Cassarino (Consulting Chef);
- Alberto Canton (Bocon Divino, Camposampiero, PD);
- Sara Conforti (LHP Hotel Certaldo, Certaldo, FI);
- Stefano Di Gennaro (Quintessenza Ristorante, Trani, BT), 1 stella Michelin;
- Andrea Fusco (Bistrot Roma Luxus, Roma);
- Federico Pettenuzzo (La Favellina, Malo, VI), 1 stella Michelin;
- Daniele Repetti (Nido del Picchio, Carpaneto Piacentino, PC);
- Filippo Saporito (La Leggenda dei Frati, Firenze);
- Paolo Trippini (Ristorante Trippini, Civitella del Lago, TR).

«Da sempre la mia è una cucina di contaminazione: pochi elementi nel piatto, prodotti scelti lavorati secondo la tradizione emiliana, ma abbinati con creatività» commenta lo chef Daniele Repetti. «A monte, una grandissima ricerca delle materie prime che mi ha condotto fin sull’Isola di Smeraldo, quando si parla di carne. Durante questo viaggio ho riscoperto i valori e le caratteristiche della carne bovina irlandese Grass Fed, ora certificata IGP, gli alti standard che ne guidano la produzione e la passione dei farmer. Per questo la scelgo e continuerò a sceglierla per il mio ristorante».
Inoltre, la partnership con JRE – Jeunes Restaurateurs Italia è stata l’occasione per presentarsi a un pubblico sempre più ampio di chef e far conoscere la qualità premium dei prodotti irlandesi. Tra gli ultimi ingressi nel Club, infatti, troviamo gli chef JRE Trippini, Di Gennaro, Pettenuzzo.
«La mia cucina è molto legata alla mia regione di origine: la Puglia. Per la mia formazione, però, è stato importantissimo aprirmi ad altre realtà e culture gastronomiche. Il viaggio sull’Isola di Smeraldo mi ha permesso di scoprire un prodotto pregiato, la carne di manzo, e il suo profondo legame con il territorio di origine… proprio come io sono legato al mio» commenta Stefano Di Gennaro. «Qui ho trovato un luogo che sembra creato apposta per l’allevamento: l’erba non manca e ci sono prati a perdita d’occhio. Non solo: c’è una tradizione antichissima di allevamento e non mi ha sorpreso scoprire che tante aziende agricole sono a conduzione familiare, da generazioni. Per questo la carne bovina irlandese Grass Fed ha ottenuto la certificazione IGP, perché è espressione del territorio e della sua cultura. E io la scelgo perché tutto ciò la rende una materia prima di grande pregio che amo servire ai miei ospiti».
Questa importante ricorrenza infine, accende i riflettori sulla qualità che contraddistingue i prodotti irlandesi — non solo carne di manzo e d’agnello, ma anche prodotti ittici come ostriche, scampi e salmone — sempre più apprezzati dalle grandi firme della cucina italiana.



Bord Bia, Irish Food Board, è un ente governativo dedicato allo sviluppo dei mercati di esportazione dei prodotti alimentari, bevande e prodotti ortofrutticoli irlandesi. Lo scopo di Bord Bia è quello di promuovere il successo dell’industria Food & Beverage e dell’orticoltura irlandese attraverso servizi di informazione mirati, la promozione e lo sviluppo dei mercati. Nel 2023 le esportazioni dell’industria Food & Beverage irlandese sono arrivate a quota 16,3 miliardi di euro. L’Italia rappresenta uno dei mercati più importanti per l’export di manzo irlandese in Europa con scambi valutati, nel 2023, a 234 milioni di euro.

>> Link: www.irishbeef.it


Activate your subscription

To subscribe to a Magazine or buy a copy of a Yearbook