it en
Risultati
pesce

Il futuro della pesca tra professionalità e competenze

Le sfide del settore discusse nel convegno “Blue Skills & Jobs: orientare le professioni del futuro nella filiera ittica” organizzato da Legacoop Agroalimentare nell’ambito dell’European Maritime Day in my Country che si è tenuto a Roma presso Spazio Europa

12, May 2023

La pesca ha il fascino del mestiere antico, la poesia di una tradizione secolare che si tramanda di padre in figlio attraverso la ritualità dei gesti, la sapienza di generazioni. Ma oggi tutto questo non basta più. La pesca moderna ha bisogno di conoscenza, di capacità di leggere i mercati, di essere aggiornata su tecnologia e innovazione. Il pescatore oggi non può soltanto pescare, ma deve confrontarsi con i temi della sostenibilità, con la transizione verde e quella digitale. Aspetti questi fondamentali per la sopravvivenza di un mestiere che deve adattarsi ai tempi.

Sono questi i temi del convegno Blue Skills & Jobs: orientare le professioni del futuro nella filiera ittica organizzato da Legacoop Agroalimentare nell’ambito dell’European Maritime Day in my Country e nell'Anno europeo delle Competenze, che si è tenuto a Roma presso Spazio Europa, Ufficio del Parlamento europeo in Italia e dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea.

Come evidenzia Cristian Maretti presidente di Legacoop Agroalimentare, «non conta che le persone sappiano soltanto fare, occorre acquisire e avere competenze per capire la realtà e il cambiamento, per non averne paura e affrontarli. La pesca è una grande opportunità per tutte le zone di mare, ma occorre avere gli strumenti giusti per stare sul mercato. Ad iniziare dalla gestione utile e intelligente del prodotto che non è tutto uguale. Le competenze, che devono essere seguite anche dal ricambio generazionale, servono per dare risposte ad un settore che ha bisogno di diversificarsi, ad iniziare dagli aspetti legati al turismo, all’accoglienza e all’ospitalità».

Il convegno Blue Skills & Jobs ha evidenziato le criticità e le opportunità del settore pesca e acquacoltura, ha stimolato riflessioni e confronto per costruire una concreta e reale visione del futuro. A cominciare dalle criticità legate al sistema informativo veterinario (VET) e alla necessità di orientare strategie politiche legate alla formazione. Oltre a condividere esperienze e buone pratiche nel campo dell’Istruzione e formazione professionale (IFP) e VET per la pesca e sostenere la partecipazione di Legacoop Agroalimentare al Patto Europeo per le Skills 2023. Inoltre ha gettato le basi per favorire la creazione di un’alleanza europea per la formazione e le skill professionali nel comparto ittico e per incentivare lo sviluppo di reti di relazione tra i diversi attori per mettere a sistema la formazione nel settore.

Le criticità del settore pesca e acquacoltura. Oltre ad età media avanzata e un basso livello di scolarizzazione, il settore deve fare in conti con lo scarso accesso alle fonti informative e alla digitalizzazione, a competenze professionali obsolete, A questo si sommano il poco tempo a disposizione a terra per la formazione, soprattutto nei fine settimana, vecchi pregiudizi e idee preconcette che danno origine ad una rappresentazione sociale del settore della pesca contraddittoria e non adeguata alla realtà di oggi. Inoltre l'attuale sistema non fornisce un adeguato supporto informativo e orientativo agli operatori della pesca, per quanto riguarda le opportunità, al miglioramento del benessere e della qualità del lavoro, allo sviluppo economico e professionale e all'avanzamento di carriera. Anche l’offerta formativa scolastica non è ampia. Oltre alle specializzazioni di alcuni Istituti tecnici, ad oggi vi sono soltanto due corsi di laurea interamente dedicati alla filiera ittica, uno a Bologna su Acquacoltura e igiene delle produzioni ittiche e uno a Ferrara in Tecnologie agrarie e acquacoltura del Delta.

Le risposte da dare. «Con un’età media della forza lavoro che si attesta sopra i 50 anni di età e bassi livelli di scolarizzazione, il settore è fortemente minacciato dalla mancanza di manodopera qualificata e di professionisti competenti che possano orientare strategie mirate alla tutela ed alla salvaguardia dell’approvvigionamento ittico sulle coste europee», sottolinea Elena Ghezzi responsabile pesca e acquacoltura Legacoop Agroalimentare. «Legacoop Agroalimentare ha aderito al Patto europeo per le competenze, in occasione dell’istituzione dell’Anno europeo per le competenze 2023, e intende perseguire l’impegno sulla qualificazione, riqualificazione e sviluppo delle competenze degli operatori della pesca e dell’acquacoltura», spiega Massimo Bellavista, responsabile Formazione e Sicurezza Legacoop Agroalimentare.

Quali skill sono necessarie. Ad un lavoratore su due, tra coloro che si stanno affacciando sul mercato del lavoro oggi o che lo faranno nei prossimi anni, saranno richieste competenze verdi. Ma sono necessarie anche apertura alla tecnologia, avere manualità e resistenza allo stress oltre che essere capaci di avere giudizio critico, capacità di problem solving e conoscenza delle lingue.

Le sfide del futuro si vincono se si incide sulle criticità e si avvia un percorso di crescita. Per Massimo Bellavista «il convegno è stata una valida occasione per gettare le basi mirate alla costruzione e implementazione di un network stabile e permanente in grado affrontare le sfide che abbiamo di fronte ma anche di orientare, in maniera efficace ed efficiente, le strategie da perseguire». Un convegno nel quale, ha evidenziato Bellavista, c’è stata «ampia condivisione delle criticità, ma anche sulle strategie da mettere in campo assieme al Masaf (il ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste), al ministero dell’Istruzione e del Merito, al Comando Generale delle Capitanerie di Porto, e anche con le Regioni. Questo per allineare i diversi sistemi di istruzione e formazione, tutti gli stakeholder e per investire sul capitale umano».



Legacoop Agroalimentare
http://www.legacoopagroalimentare.coop/



News correlate