it en
Risultati
carne

Agnello di Sardegna Igp: il comparto ha il sostegno del governo dell'isola

Unica regione italiana a supporare con proprie risorse il settore ovicaprino

21, Sep 2022

Lo afferma il presidente regionale Christian Solinas commentando il report annuale diffuso ieri da Contas. "Con la legge Omnibus sarà inoltre completato anche il quadro degli interventi sui settori ortofrutticolo e cerealicolo", conferma. “Gli ultimi dati sulla produzione dell’agnello sardo, che evidenziano un aumento del fatturato e delle quotazioni, mostrano un comparto in salute, che grazie a una qualità indiscussa sta rafforzandosi nei mercati. Sono dati confortanti, a conferma che le risorse messe in campo dalla Giunta e destinate agli allevatori sardi sono state ben investite in funzione della crescita del settore e di tutta l’economia dell’isola”. Lo afferma il presidente della Regione, Christian Solinas, commentando il report annuale diffuso ieri da Contas, il Consorzio per la tutela dell’Agnello Igp di Sardegna. “In questo momento delicato, caratterizzato da un aumento inarrestabile dei costi di energia e materie prime, – prosegue il presidente–, è dovere della Regione fare il possibile per continuare a sostenere i settori più di altri penalizzati dalle turbolenze dei mercati. Siamo l’unica Regione italiana ad essere intervenuta con proprie risorse per il sostegno al settore, con 7,30 euro a capo, cui si aggiungerà 1 euro da parte del Governo nazionale”.
“Già da subito, alle prime avvisaglie di questa nuova crisi accentuata dal conflitto in Ucraina, uno dei nostri primi impegni, poi mantenuti nella Finanziaria, era stato proprio quello di avviare un intervento straordinario, di oltre 40 milioni di euro, per le aziende agricole e zootecniche, per far fronte agli aumenti indiscriminati. Ora siamo in attesa, per i nostri suinicoltori, della fine delle restrizioni dell’export delle carni sarde, dopo un lungo percorso virtuoso che ci è stato giustamente riconosciuto dalle Istituzioni europee dopo anni di grandi sacrifici”, conclude Solinas, che conferma come con la legge Omnibus sarà completato anche il quadro degli interventi riguardo ai settori ortofrutticolo e cerealicolo. 


CTim - 26623

EFA News - European Food Agency              


News correlate