it en
Risultati
carne

Rabobank: Report mondiale sulla carne suina del 3° trimestre 2022

Il commercio mondiale di carne suina dovrebbe riprendersi nella seconda metà del 2022

05, Aug 2022



Il commercio mondiale di carne suina dovrebbe riprendersi nella seconda metà del 2022. Un leggero calo dei costi dei mangimi e la resilienza della domanda dei consumatori stanno migliorando le prospettive del mercato.
Tuttavia, permangono sfide alla crescita poiché la PSA continua a diffondersi e l'inflazione pesa sulle politiche commerciali.


Gli aspetti più importanti della relazione sono presentati qui di seguito:

I costi alimentari ed energetici offrono una pausa, ma non proprio un sollievo. I prezzi dei mangimi sono diminuiti in alcuni mercati, ma si prevede che rimarranno relativamente forti per il resto del 2022. Ciò allenterà in una certa misura la pressione sui produttori. Tuttavia, la volatilità dei prezzi dei cereali e dei semi oleosi comporterà ulteriori rischi e sfide di gestione.
La domanda rimane forte in Nord America e sta migliorando nell'UE, un riflesso del movimento stagionale piuttosto che del cambiamento strutturale. Tuttavia, il Giappone, la Corea del Sud e alcuni altri paesi asiatici si aspettano una domanda più debole nella seconda metà a causa delle crescenti preoccupazioni per l'inflazione, il rallentamento dell'economia e i rischi di Covid in corso.
Il mercato cinese della carne suina è ancora soggetto all'incertezza sulle misure politiche Covid, che hanno portato a un netto calo del servizio di ristorazione.
In Brasile, produttori e trasformatori hanno difficoltà a trasferire tutti i costi aggiuntivi sui consumatori.
Il commercio mondiale di carne suina nella seconda metà del 2022 dovrebbe rimbalzare dal livello basso della prima metà, principalmente a causa del previsto aumento della domanda di importazioni dalla Cina. I prezzi della carne suina in Cina sono aumentati notevolmente nell'ultimo mese e dovrebbero rimanere elevati nella seconda metà, sostenendo le importazioni. Anche altri paesi importatori tradizionali, come il Giappone, prevedono che le importazioni rimarranno stabili.


Punti salienti per Paese:

Cina: I prezzi del suino stanno aumentando a causa della scarsa offerta e del miglioramento della domanda. Vengono introdotte politiche per stabilizzare i prezzi e controllare l'inflazione.

Europa: I prezzi dei suini sono supportati da una più stretta offerta e domanda estiva. L'Europa diversifica le proprie esportazioni poiché i volumi verso la Cina rimangono bassi.

America del Nord: I produttori rimangono con ottima redditualità grazie ad un forte mercato dei suini e ai minori costi dei mangimi. La domanda rimane stabile ma dovrebbe indebolirsi con il rallentamento dell'economia.

Brasile: I margini agricoli stanno migliorando, ma devono ancora affrontare sfide. Le esportazioni restano sotto pressione con un calo del 9,8%.

Sud-est Asiatico: I prezzi della carne suina sono aumentati in Vietnam a causa della scarsa offerta. Le importazioni dovrebbero aumentare nel secondo semestre.

Giappone: I prezzi elevati stanno rallentando il consumo interno di carne suina. Le importazioni di carne suina rimangono forti.

Fonti:
Rabobank | https://research.rabobank.com
https://www.3tre3.it


News correlate